Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Liberati gli attivisti No Tav incarcerati il 26 gennaio

20/05/2012 13:52

Contrastanti i sentimenti apprendendo la notizia della scarcerazione degli ultimi attivisti No Tav. Da un lato la gioia di sapere di nuovo liberi (o quasi liberi, ai domiciliari) gli attivisti No Tav che dal 26 gennaio sono stati trattenuti in cella, anche al regime di isolamento del 41bis, pur essendo in attesa di giudizio senza ragionevole possibilità di inquinare le prove, fuga all'estero o reiterazione del reato; dall'altro la dolorosa consapevolezza che difficilmente, in casi anche molto più gravi, si era arrivati a forme detentive carcerarie così prolungate. Ma non vogliamo fare polemica: sappiamo che il sistema andrà riformato lentamente dalle radici. Salutiamo Giorgio e Luca che finalmente potranno dormire tra pareti amiche, con gli affetti dei loro cari.
Riguardo poi le litanie secondo cui in Valsusa i sostenitori dell'insulsa opera siano la maggiornanza vorremmo solo rimarcare che neanche tramite "l'alleanza" ultraideologica tra PDL e PDmenoL i lobbisti sono riusciti a conquistare la fascia tricolore di Avigliana.

Gruppo consiliare
MoVimento 5 Stelle Piemonte

Commenti