Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Posa della prima pietra per la Scuola Nazionale Federale di Equitazione

11/10/2012 18:29

Si è svolta questa mattina, giovedì 11 ottobre, la posa della prima pietra per il II lotto di lavori della Scuola Nazionale Federale di Equitazione di Pinerolo.
Una struttura importante per “Pinerolo, Città della Cavalleria” e le Terre del cavallo, che potrà
così usufruire di un vero e proprio centro d’eccellenza per la formazione professionale nella cura e valorizzazione della razza equina. L’edificio, situato in prossimità di Abbadia Alpina, confina a nord con la Strada Statale 23 del Sestriere, permettendo così a questa scuola di essere servita direttamente e comodamente dal sistema autostradale nazionale.
Il secondo lotto comporterà numerosi interventi per rendere funzionale l’impianto. Tra i più
significativi, ricordiamo la finitura delle tribune ovest e della manica est del Maneggio coperto, la
costruzione del Campo prova coperto e la realizzazione dei campi prova e gara all’aperto.
Verranno inoltre costruiti una scuderia per trentatré cavalli, a fianco della quale potranno in
futuro essere edificati altri fabbricati per ospitare un maggior numero di esemplari, a seconda delle necessità, e un parcheggio riservato ai visitatori esterni.
Interventi quindi importanti per la messa in funzione della struttura, che darà al territorio un
ulteriore prestigio a livello nazionale in ambito di equitazione.
“Siamo molto soddisfatti di aver dato il via a questo secondo lotto di opere – spiega il Sindaco,
Eugenio Buttiero -. Possiamo così avviare a conclusione una delle strutture più importanti per la
nostra Città e dare il via al progetto delle Terre del cavallo. Oggi dobbiamo cercare di chiudere nel
più breve tempo possibile i lavori, così da poter finalmente mettere a disposizione del pinerolese
un centro qualificato nel settore dell’equitazione. Sarà fondamentale anche per i Concorsi Ippici,
altra eccellenza della nostra Città. La posa della prima pietra è quindi un atto simbolico importantissimo che abbiamo voluto sancire con un momento ufficiale”.
Il II lotto raggiungerà l’importo complessivo di circa 4 milioni di euro.

 

Commenti