Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Caserma carabinieri Pinerolo. Il PD si difende ma non risponde a 10 contestazioni.

22/06/2015 16:05

IL PD di Pinerolo invia un comunicato stampa (che pubblichiamo in questa notizia) ove prende le difese (ovviamente) dell’amministrazione comunale (guidata dal PD) in relazione ai nostri servizi (in esclusiva e che hanno destato molto clamore) sulla caserma dei carabinieri di Pinerolo e della volontà dell’Arma dei carabinieri di trovare un’altra sede,come, per esempio, a Osasco. Se non commetto errori mi pare, e così mi dicono, ma forse si sbagliano, che Osasco non è Pinerolo. Leggi qui:   http://www.vocepinerolese.it/articoli/2015-06-16/anche-carabinieri-vanno-via-da-pinerolo-trasferiti-cumiana-none-rivoli-7312

 Peccato che nel comunicato  del PD non c’è nessuna risposta ai dieci fatti documentati dai nostri servizi. Silenzio assoluto. Riproponiamo le 10 contestazioni che abbiamo fatto al sindaco Buttiero e, speriamo che il PD, anzichè scrivere un comunicato “rancoroso” entri nel merito della vicenda rispondendo alle 10 contestazioni che abbiamo rivolto al sindaco Buttiero. Leggi qui:  http://www.vocepinerolese.it/articoli/2015-06-20/caserma-carabinieri-chiacchiere-uscite-fantasiose-del-sindaco-buttiero-pinerolo-7336 .  In coda il comunicato stampa del PD.

Ecco le 10 contestazioni rivolte al sindaco Buttiero alle quali il PD, e il sindaco,  non sanno dare risposte.

A) da due anni è in piedi una richiesta di ripiegamento dei militari della caserma di piazza Santa Croce. (Abbiamo già spiegato la situazione nei precedenti articoli)

B) il piano interrato, dove ci sono spogliatoi, celle di sicurezza, archivio, è visitato costantemente da topi e, quando piove, si allaga con, mediamente, dieci centimetri d'acqua. Nello scantinato esiste un “bagno” ma è inagibile.  ... A proposito: come mai l’ASLTO3 non si esprime? Ma se nelle condizioni in cui versa la caserma ci fosse stata una qualunque realtà imprenditoriale privata l’ASLTO3 si sarebbe già precipitata a fare ispezioni e verifiche. Ma l’ASLTO3 che fa? Non si fa un giro in caserma? Ma il medico del lavoro (non per forza dell’ASLTO3...) perchè non si presenta in caserma per un controllo sanitario sulla condizione e uso dei locali? Già, perchè?)

C) spesso dal tetto ci sono infiltrazioni d’acqua che finiscono in vari uffici della caserma.

D) il tetto è in amianto

E) la caserma dispone di ben tre alloggi di servizio, compreso quello del capitano. Come mai nessuno di questi è utilizzato dai militari che ne hanno diritto? Forse il sindaco vuole vivere lui in un ambiente umido, e non decoroso? (Una chicca: il sindaco, qualche giorno dopo i nostri servizi, per rimediare, ha detto che il comune è disposto a rifare la pavimentazione dell’alloggio. Ecco la dimostrazione che il sindaco non ha capito nulla della gravità della situazione che è globale e che il problema non è “un” pavimento).

F)  il capitano – giustamente – vive in un altro alloggio, pagando la locazione a proprie spese. Fatto mai accaduto prima.

G) i servizi igienici per il cittadino? Qui il sindaco ha ragione i servizi igienici ci sono: sono quelli presenti nel vicino locale pubblico “Veloce” o nei bar vicini.

H) nel secondo piano ci sono le camerate dove chi dorme (un militare – sic -) lo fa con spirito di abnegazione...  e sacrificio. E che dire delle finestre? Le infiltrazioni d’acqua e aria sono un fatto acquisito.  

I) lunedì (salvo imprevisti dell’ultima ora) si presenterà in caserma il generale di corpo d’armata, comandante dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette. Anche questo fatto non era mai accaduto prima, segno evidente della gravità della situazione.

L) Alcuni ufficiali dei carabinieri si sono recati a Osasco, hanno trattato con il sindaco Miglio, per verificare la possibilità di costruire in quel paese una caserma. E questo aspetto è sicuramente il più grave per Buttiero. E’ una dimostrazione che l’Arma dei Carabinieri non ha più fiducia dei politici di Pinerolo. 

IL COMUNICATO STAMPA del PD

Il Partito Democratico di Pinerolo guarda con molta preoccupazione alle notizie giornalistiche, emerse nei

giorni scorsi, che vedrebbero i Carabinieri impegnati nella ricerca di una o più sedi per spostare quanto

attualmente di stanza a Pinerolo: il Nucleo comando, il Nucleo operativo e la Stazione.

La presenza dei Carabinieri, unitamente a quella di altre forze di PS, garantisce alla cittadinanza, oltre alla

presenza di servizi al cittadino, sicurezza e difesa della legalità: in quest’ottica saremo fortemente

impegnati, insieme al Sindaco e a tutte le Istituzioni interessate, nel lavorare affinché i Carabinieri

rimangano a Pinerolo e possano, allo stesso tempo, trovare una collocazione adeguata.

Al fine di trovare, nel breve, una buona soluzione teniamo a precisare che:

  • · condividiamo la decisione presa nel 2013 di recedere dal precedente accordo che prevedeva lo

spostamento della Caserma dei Carabinieri nell’area c.d. ex-Cottolengo perché ritenuto non

sostenibile economicamente per la Città di Pinerolo;

  • · condividiamo il percorso intrapreso dall’Amministrazione, nel 2014, che ha individuato, insieme al

Ministero della Difesa e al Ministero delle Infrastrutture, quale nuova sede dei Carabinieri la

Caserma “Litta Modignani” (attualmente inutilizzata), fabbricato che non è nelle disponibilità

dirette del Comune di Pinerolo, e che, pertanto, non sarebbe possibile ristrutturare direttamente

dal Comune stesso affinché possa diventare funzionale all’utilizzo da parte dei Carabinieri e di altre

forze di PS come ipotizzato mesi addietro;

  • · soluzioni di delocalizzazione di ulteriori presidi pubblici di stanza a Pinerolo non indeboliscono solo

la nostra Città, ma tutto il Pinerolese;

Auspichiamo infine che, nell’interesse comune e collettivo di raggiungere l’obiettivo di dare ai Carabinieri

una sistemazione futura migliore dell’attuale (e una caserma funzionale), finisca la strumentalizzazione

politica e giornalistica (portata avanti in alcuni ambienti), basata su notizie più o meno fondate, che non

contribuisce alla ricerca di una soluzione soddisfacente, per tutti.

Magda Zanoni – Senatrice della Repubblica

Elvio Rostagno – Consigliere Regionale del Piemonte

Luca Barbero - Segretario del Circolo PD di Pinerolo

Stefano Ricchiardi - Capogruppo PD Consiglio Comunale di Pinerolo

Pinerolo, 20 giugno 2015

Commenti