Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Arrestato per 12 piantine di marijuana in casa. Per il giudice il fatto non sussiste. Pinerolo

27/06/2015 18:52

 

di Dario Mongiello

direttore@vocepinerolese.it

Ricordate la notizia pubblicata venerdì scorso  da Voce Pinerolese relativa all’arresto di un pinerolese reo di avere in casa dodici piantine di Marijuana? Le coltivava, a bella vista, sul balcone di casa. Leggi qui: http://www.vocepinerolese.it/articoli/2015-06-26/sul-balcone-casa-aveva-12-piante-cannabis-arrestato-pinerolo-7368 . Bene, ieri mattina, il giudice, dottoressa Casalegno, del Tribunale di Torino, ha assolto Corrado T., 49 anni, residente a Pinerolo, perchè il fatto non sussiste disponendo l’immediata scarcerazione (era agli arresti domiciliari). L’uomo, difeso dall’avvocato Raffaele Magrì, ha ammesso che faceva uso di marijuana per fini medici: “sono affetto da alcune malattie, prendo dei farmaci, ma da quando fumo la marijuana sto meglio. Non ho mai venduto marijuana a nessuno. La coltivo solo per me. Non faccio nulla di male. Con me in casa non c’è nessuno. Vivo da solo.” L’uomo, incensurato, alla lettura della sentenza, ha ringraziato tutti e in particolare il suo avvocato. Chissà se adesso Corrado T. chiederà la restituzione delle sue piantine di cannabis che i carabinieri  di Pinerolo gli avevano sequestrato? Questa notizia non farà che alimentare il dibattito sulla legalizzazione delle droghe leggere e in primis della marijuana. Le motivazioni del giudice saranno depositate entro 30 giorni. Nella foto a destra alcune delle piantine che coltivava sul balcone di casa

Dario Mongiello

direttore@vocepinerolese.it    

Commenti