Facebook Twitter Youtube Feed RSS

La protesta degli allievi e insegnanti del "Corelli". "Claudio Morbo deve restare"

16/06/2017 5:56
Sollevato il Maestro Claudio Morbo dalla direzione artistica del Corelli.
 
Nel tardo pomeriggio di ieri alcuni allievi e insegnati dell'Istituto Musicale Corelli di Pinerolo hanno incontrato l'Assessore alla cultura Martino Laurenti per avere chiarimenti riguardo il cambio operato nella direzione artistica della scuola e le intenzioni del Comune riguardo al suo futuro.
 
Nel corso dell'incontro si è discusso sulle modalità che il Comune di Pinerolo ha adottato per la scelta del nuovo direttore artistico e non sono mancate disapprovazioni, sottolineando inoltre la scarsa informazione preventiva a riguardo. 
 
L'Assessore ha dichiarato che il Comune si è attenuto a quanto previsto dalla legge per la nomina ad incarichi artistici, operando una scelta congiunta tra lui e il Sindaco, senza istituire alcuna commissione giudicante.
 
La motivazione di questa rivoluzione nell'Istituto musicale della nostra Città, sarebbe legato ad un calo di utenza dai circa 300 allievi ai 190 attuali, rilevata però dal Comune in un arco di tempo ventennale che quindi abbraccia momenti economici e demografici estremamente diversi e difficilmente paragonabili fra loro. Pare pertanto azzardato imputare tale flessione degli iscritti alla direzione artistica attuale che, da quanto emerso nell'incontro, è invece ampiamente apprezzata da allievi e insegnanti per la passione e professionalità sempre dimostrate dal Maestro Claudio Morbo.
 
Il Comune si è detto inoltre preparato ad un incremento dell'utenza solamente in quantità moderata per questioni organizzative, pertanto un vero e proprio boom delle iscrizioni non sarebbe gestibile. 
Se a ciò aggiungiamo quanto portato all'attenzione da studenti e insegnanti riguardo i limitati spazi disponibili dovuti all'inagibilità di buona parte dell'edifico, ci si chiede in conclusione quanto possa essere positiva per l'Istituto questa scelta operata dagli amministratori comunali. 
 
Nella foto, lo striscione appeso da allievi e professori in contestazione a quanto deciso.
 
Alessandro Turin

Commenti