Facebook Twitter Youtube Feed RSS

500 posti di lavoro a rischio alla Faiveley di Piossasco. Intervento di Polastri

12/08/2017 9:17

In merito alla situazione occupazione dello stabilimento piossaschese della Faiveley è intervenuta con una nota la Uilm dopo l'assegnazione delle ultime commesse da parte di Trenitalia, aggiudicate ad aziende estere senza vincoli di salvaguardia per il sistema produttivo italiano.
 
Nel 2016 Trenitalia ha pubblicato un bando di gara per la produzione di 300 treni, la parte più consistente di un lotto da 450 unità destinate al trasporto regionale – spiega in una nota la Uilm-, per un totale di 4,5 miliardi di euro. La gara per il primo lotto è stata vinta da Hitachi, che ha commissionato i sistemi frenanti a un'azienda tedesca.“

 

Abbiamo raggiunto il Consigliere Stefano Polastri che è anche Presidente della Commissione Lavoro che constatato l'ulteriore recentissima nota UILM ritiene necessario un ulteriore sforzo di presa in carico da parte delle istituzioni a tutti livelli per dare risposte al futuro occupazionale per tempo e non attendere momenti "di non ritorno".  <<Gia nel consiglio comunale del 30 Gennaio 2017 avevo sottoposto all'attenzione dell'Assemblea la necessità di monitorare concretamente e in concerto con gli organi istituzionali l'andamento e le possibili soluzioni da prendere (interrogazione dal minuto 47:17 al minuto 51:00 https://www.youtube.com/watch?v=3D7mtndFdJg)  e che le "rassicurazioni" date dal Sindaco non le ritengo soddisfacenti >>. <<Anche in qualità di Presidente della commissione Lavoro auspico collaborazione da parte dell'Assessore al Lavoro per dare spazio a portare il tema in primo piano, lo ritengo NECESSARIO>>.

 

A Pinerolo si è già assistito alla crisi PMT e sarebbe auspicabile non riverla anche qui perchè il tessuto produttivo e mnifatturiero nel pinerolese è già stato abbastanza martoriato.

NELLA FOTO IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE LAVORO CONSIGLIERE STEFANO POLASTRI

Commenti