Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Ventuno domande al sindaco di Pinerolo Luca Salvai

22/02/2018 20:13

A quasi due anni dal mandato ricevuto dai cittadini

 Ventuno domande al sindaco

 

di Dario Mongiello

direttore@vocepinerolese.it

Ci avviciniamo, rapidamente, al secondo anno di governo  del M5S a Pinerolo. Una città  “comandata” dal sindaco Luca Salvai. A questo punto  vogliamo porre all’attenzione dei lettori alcune considerazioni sulla gestione della politica del M5S pinerolese.

Intanto segnaliamo che, a oggi, non è stato ancora pubblicato il bilancio 2018/2020 che, in base alla legge sulla trasparenza, doveva già essere fatto.  Per evitare di fare discorsoni inutili, su quanto non ancora fatto dal Movimento 5 Stelle a Pinerolo, cercherò di essere pragmatico,  ponendo 21 domande al sindaco Luca salvai. Per amore della verità il sindaco Salvai non si è mai rifiutato di dare delle risposte e, anche in questo caso, sono certo che sarà pronto a rispondere anche su queste colonne.

Il tema delle domande è: dove sono finiti?

 

  1. Dove sono finiti i debiti fuori bilancio per 20mila euro annunciati dal Sindaco nel Consiglio Comunale del 22 marzo 2017?
  2. E la cosiddetta “ricognizione”, vale a dire l’analisi, che avrebbe dovuto validare se e quanti debiti fuori bilancio erano presenti nel Bilancio 2016? Doveva essere pronta a febbraio, poi a marzo, poi, nonostante i solleciti, è passato un anno e nessuno si degna di dire qualcosa in Commissione Bilancio. Solo i Revisori dei Conti se ne sono accorti e hanno sollecitato la famosa, ormai, ricognizione.
  3. I bandi di gara per eliminare il più possibile gli affidi diretti che oggi rappresentano il 93% degli acquisti?
  4. La volontà di cambiare e di ruotare i fornitori (in particolare per l’illuminazione pubblica)?
  5. I progetti per il Palazzo Vittone?
  6. I progetti legati all’immagine della “Città del cavallo”? (Caserma Bouchard, Cavallerizza Caprilli, Scuola Federale di Cavalleria e, legati a questi, il palazzo Acaja).
  7. I progetti legati ai 870 mila euro della “vincita” del finanziamento ALCOTRA?
  8. Il progetto di “Lean government” (organizzazione snella)?
  9. Il pool anti evasione?
  10. La rivisitazione della retribuzione dei dipendenti?
  11. La riorganizzazione funzionale degli uffici, con spostamento dei dirigenti e nuova organizzazione interna?
  12. L’affitto, tramite bando, del bar del teatro Sociale?
  13. Il cambiamento degli impianti di illuminazione con lampade led?
  14. Il progetto di raccolta dei rifiuti “porta a porta”?
  15. L’area “sgambamento cani? Se ne occupava il consigliere Lupescu e sembrava cosa fatta già un anno fa.
  16. Il bando per l’affido della gestione dei “vendor” (le 19 postazioni delle macchine automatiche per il ristoro)?
  17. L’acquisto a rotazione degli automezzi comunali, secondo il programma di sostituzione presentato in Commissione Bilancio nel 2016?
  18. Il progetto di nuova società di servizi con ACEA?
  19. Il progetto di dismissioni di ACEA Pinerolese Energia s.r.l. ai sensi dell’art 4 del Decreto Legislativo n. 175 del 19 agosto 2016, art. 4: “Finalità perseguibili  mediante  l'acquisizione  e  la  gestione  di partecipazioni pubbliche. Art. 1.  Le  amministrazioni  pubbliche  non  possono,  direttamente   o indirettamente, costituire Società aventi per oggetto  attività  di produzione di beni e  servizi  non  strettamente  necessarie  per  il perseguimento delle proprie finalità istituzionali, ne' acquisire  o mantenere partecipazioni, anche di minoranza, in tali società.”?
  1. Il nuovo software da utilizzare negli uffici di tutto il Comune?
  1. L’acquisto del software per le segnalazioni dei cittadini relative alle problematiche dei LLPP? Pare che sia stato acquistato dalla società Maggioli, ma mai messo a disposizione dei cittadini: perché?

“Quante vicende, tante domande”, Bertolt Brecht.

Nella Foto. Il sindaco di Pinerolo Luca Salvai

 

Commenti