Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Daniela Ruffino: «TAV. Vuole fermarla chi è contro l’Italia in Europa.»

08/06/2018 16:32

«Il ministro Danilo Toninelli aveva appena 12 anni, nel 1986, quando si cominciò a parlare della Tav e del corridoio Lisbona-Kiev. Oggi che è un maturo ministro della Repubblica è arrivato a Torino per informare il Piemonte e l’Italia che dopo 28 anni di progetti, di lavori e di miliardi spesi, forse su quella linea non passerà mai un treno. Tanta leggerezza nel parlare da parte di un responsabile del governo ha già provocato danni enormi alla credibilità del Paese e danni maggiori rischia di provocare alle tasche dei contribuenti chiamati già a pagare maggiori interessi sul debito causa spread.

Il Consiglio regionale del Piemonte si è espresso all’unanimità, con l’eccezione del M5s, su due mozioni favorevoli alla Tav. Perché si sta parlando di un’opera da sempre considerata strategica, non solo sul piano locale, per tenere l’Italia agganciata all’Europa e per non perdere l’occasione preziosa di condividere le ricadute tecnologiche connesse al suo completamento. Vorrei rassicurare il ministro Toninelli che in 30 anni di progetti e in oltre 10 di lavori sono state valutate centinaia di volte le implicazioni tecnico-scientifiche dell’opera. Oggi si deve fare soltanto una cosa: completarla. E completarla cercando di accelerare i tempi, dopo gli enormi ritardi accumulati. Ogni altra valutazione diversa da questa incontrerà l’opposizione ferma di Forza Italia, sul territorio e in Parlamento. E ai No- Tav che arrivano in Valsusa da altri luoghi, opporremo il Sì-Tav largamente maggioritario nelle mie valli e grazie ai quali sono in Parlamento.»

Commenti