Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Il Taekwondo unisce l' Italia

24/12/2018 19:21

Quest'anno in casa della Federazione ITF Taekwondo Italia, oltre a respirare un'aria di festa, si respira un'aria di gioia, dato dalle molte novità che si sono susseguite. Per citarne alcune, il Presidente Antonio Troiano infatti, per volontà del G.M. Choi Jung Hwa (figlio del fondatore), e stato insignito della cintura nera IX Dan. C'è stato un passaggio di sponsor, in maniera tale da servire tutti i centri sparsi per la penisola. Due maestri sono passati al grado di master, infine non per importanza, ma per ordine di tempo, nella giornata di domenica 23, si è svolto l'incontro tra il presidente Alfredo del Team MULÈ e il presidente Ciro del Team Borriello di Napoli. Esiste un solo taekwondo, - commenta Mulè - una sola Italia, unita dallo sport. L’armonia, l’unità sono molto importanti in tutto il mondo. Questo è uno sport che fa crescere molto i nostri atleti insegna loro come vivere senza danneggiare persone e beni altrui, insegna i valori e il rispetto, fortifica e unisce. Uno sport praticabile per tutti. Borriello - abbiamo discusso apertamente, ora in qualità di nuovo direttore tecnico vorrò riallineare la squadra  alle direttive della federazione, la strada da percorrere è uguale per entrambi, quindi con l’ausilio di mio fratello Giovanni (capitano della nazionale) potremo sostenerci l’un l’altro. Con questa unione, siamo riusciti a riavvicinare due mondi che sembravano lontani, questo è un importante passo, da sottolineare. Il nostro motto sta che nel taekwondo non sia solo fatica e sudore, ma un divertimento globale! Conclude Mulè - Dopo la pausa natalizia ripartiranno gli allenamenti e tante altre innumerevoli competizioni, per portare sempre più in alto l’onore e la filosofia del Taekwon-Do, crescendo sempre tutti insieme, come una stupenda famiglia di arti marziali. Per smaltire tutti i pranzi e cene imminenti, il Team Mulè, vi aspetta in palestra dal lunedì al giovedì a Torino e Vinovo ed ora anche a Napoli con il Team Borriello.

Commenti