Facebook Twitter Youtube Feed RSS

In discoteca lavoratori in nero. Denunciata una romena.

03/01/2019 10:43
Di Carlotta Chiera
 
 
DISCOTECA IN PIENO CENTRO CON IL PERSONALE "IN NERO". C'è anche una minorenne
 
 
Solo pochi mesi fa, era stata segnalata dalla Guardia di Finanza di Torino perché sorpresa a reclutare, sui social network, lavoratori giovanissimi da impiegare “in nero” negli autolavaggio cittadini.
 
Ora l'imprenditrice ci è ricascata, cambiando il settore ma, in sostanza, mantenendo le “consuete” abitudini.
 
E’ quello che hanno accertato iFinanzieri del Gruppo Torino unitamente ai Carabinieri del Nucleo Ispettorato Lavoro e a personale del Reparto Commerciale della Polizia Municipale, che già da tempo operano in collaborazione, in una discoteca in pieno centro città, a due passi da via Roma, gestita appunto dalla donna.
 
21 su 32 questa volta i lavoratori “in nero” individuati, praticamente l’intero staff aziendale, impiegati in molteplici mansioni: dal cameriere alla ballerina, dall’addetto alle pubbliche relazioni sino al “buttafuori”, tutti esposti ad elevati rischi in termini di sicurezza e di garanzie assistenziali.
 
Tra i lavoratori, prevalentemente italiani, anche una ragazza minorenne. A tal proposito, è bene ricordare che la tutela dei giovani lavoratori, in particolare, viene perseguita con costanza anche al fine di evitare sfruttamenti da parte di esercenti poco lungimiranti e senza scrupoli.
 
Nel corso del controllo, inoltre, la Polizia Municipale ha rilevato irregolarità anche per quanto riguarda le uscite di sicurezza del locale, risultate non idonee.
 
L’imprenditrice, una venticinquenne di origine rumena, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Torino; rischia, inoltre, sanzioni sino a 40.000 euro.
 
Le attività della Guardia di Finanza, attraverso la prevenzione e la repressione di ogni forma di concorrenza sleale, come quella dell’utilizzo di lavoratori “in nero”, che spesso vengono esposti a elevati rischi in termini di sicurezza e di garanzie assistenziali, vogliono tutelare tutti quegli imprenditori che operano nel pieno rispetto delle regole.

Commenti