Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Migranti. Sequestro addette coop. Il sindaco prende posizione dopo denuncia Voce Pinerolese.

25/01/2019 20:37
 

GUARDA IL VIDEO. 

A seguito del nostro servizio (che ha avuto anche un seguito sui giornali nazionali) dove il nostro direttore Dario Mongiello è stato, per oltre due ore nella casa dei richiedenti asilo a Pinerolo, insieme a due della cooperativa "La dua Valadda, sequestrate dalle migranti (leggi qui: https://goo.gl/hPD9z6 ), il sindaco di Pinerolo Luca Salvai, insieme all'assessora Lara Pezzano, hanno preso posizione sulla vicenda.

Il comunicato del Sindaco Luca Salvai e dell'Assessore alle Politiche sociali e Sanitarie Lara Pezzano in merito alla vicenda riguardante alcune richiedenti asilo della cooperativa "La Dua Valadda".

In merito alla vicenda riportata nella giornata di mercoledì 23 gennaio 2019 dalla testata giornalistica “Voce Pinerolese” inerente l’atteggiamento tenuto da alcune richiedenti asilo ospitate nelle strutture messe a disposizione dalla cooperativa “La Dua Valadda”, si comunica che il Comune di Pinerolo ha immediatamente preso contatto con la Prefettura (già precedentemente informata dei fatti dalle Forze dell’Ordine intervenute) che ha preso in carico il problema. Al momento, pertanto, siamo in attesa delle decisioni che verranno prese in merito dagli organi competenti.

L’Amministrazione Comunale, da sempre attenta alle tematiche dell’accoglienza e dell’integrazione dei richiedenti asilo e della popolazione straniera, si rende disponibile a fornire tutto il supporto necessario al fine di organizzare al meglio la permanenza dei richiedenti asilo in Città, nel rispetto, tuttavia, delle più basilari norme della convivenza civile e pacifica. Se da un lato, infatti, alcuni episodi non possono essere tollerati, dall’altro si continua a richiedere alle cooperative operanti in città la massima serietà, competenza e preparazione finalizzata al “saper gestire” anche situazioni difficili come quella avvenuta ieri, competenza e preparazione che sul territorio non mancano.

Si coglie l’occasione altresì per rammentare come sul territorio comunale non vi sia alcuna “emergenza profughi”: attualmente i richiedenti asilo iscritti all’anagrafe e ospitati nelle strutture messe a disposizione da diversi Enti e Cooperative sono 144, numero ampiamente assorbibile dalla Città. Spiace tuttavia prendere atto di fatti come quello avvenuto nella giornata di mercoledì: tali episodi generano incomprensioni, atteggiamenti ostili, e gettano un’ombra negativa sul sistema di accoglienza del Pinerolese che invece ha dato ampie dimostrazioni di funzionare.


L’Assessore alle Politiche sociali e Sanitarie Il Sindaco
Lara Pezzano Luca Salvai

 

NELLA FOTO L'INTERNO DELLA CASA DELLE RICHIEDENTI ASILO E A DESTRA L'ARRIVO DEI CARABINIERI CHE HANNO POSTO FINE AL SEQUESTRO

Commenti