Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Condominio diventa di modello sostenibile grazie al nuovo servizio efficientamento energetico.

05/02/2019 13:37

Acea ha lanciato, dal dicembre 2018, un nuovo servizio dedicato al risparmio energetico per contribuire attivamente a trasformare il parco edilizio esistente, secondo criteri di efficienza energetica che consentano di ridurre i consumi di gas metano, la fonte non rinnovabile più efficiente e ambientalmente sostenibile, prima di arrivare alla definitiva transizione alle rinnovabili.

 

Acea Energie Nuove, nel suo ruolo riconosciuto di campione di economia circolare e sostenibilità ambientale, intende porsi, con il progetto di efficientamento energetico, come guida di questa progressiva transizione verso le rinnovabili, iniziando a modificare quello che è il tessuto edilizio urbano del territorio nel quale opera, per favorire una riduzione dei consumi di gas.

Acea Energie Nuove si affianca con questa attività a quella consolidata di promotore di uno sviluppo territoriale economico e ambientale con iniziative, che vanno sotto l’egida del Consorzio CPE, come quella della Comunità Energetica del Pinerolese per citarne una, che porterà il pinerolese a diventare un’area totalmente fondata sull’ autoscambio di rinnovabili (la cosiddetta Oil free Zone). Per fare ciò è necessario, in questa fase transitoria, preparare il territorio a diventare sempre più sostenibile.

Ecco perché è stato lanciato il servizio di efficientamento energetico di Acea Energie Nuove che ha già raccolto il primo risultato con un condominio trasformato in modello di sostenibilità, risparmio energetico e di consumi di gas metano e progressiva transizione alle rinnovabili, grazie alla joint Venture con Tecnozenith.

 

Si tratta di un grande edificio degli Anni 60, composto da 30 unità abitative, in via Bertairone a Pinerolo, che è stato totalmente riqualificato e trasformato in un edificio moderno con caratteristiche pari a quelle di una costruzione nuova: isolamento termico e acustico, sistemi di riscaldamento da fonte rinnovabile e nuovi infissi che consentiranno una riduzione sino al 90% delle emissioni di CO2 rispetto a prima e un significativo risparmio energetico. L’operazione è interamente finanziata e ripagata dai risparmi ottenuti sull’arco temporale di dieci anni. I benefici per gli abitanti delle unità immobiliari si hanno già oggi con un valore dell’edificio che è incrementato immediatamente in termini di classe energetica e un comfort abitativo esponenzialmente migliorato. Zero rumori, calore garantito e riduzione dei consumi oltre all’implementazione di un telecontrollo nella gestione del calore del proprio appartamento, che di fatto rendono autonomo l’inquilino nello scegliere quando e come riscaldare l’appartamento con un semplice clic sullo schermo del proprio cellulare.

Andando con ordine, l’intervento ha comportato l’isolamento termico con pannellature di ultima generazione di tutte le pareti. Ma la vera novità del sistema adottato dal progetto, denominato Energheia, è legata all’introduzione di un sistema di riscaldamento da Fonti Rinnovabili, grazie a pannelli solari sul tetto che producono l’energia elettrica necessaria per far funzionare la pompa di calore che riscalda l’acqua dei caloriferi interni. Si tratta, pertanto, di una forma ibrida, nella quale il gas metano serve solo per sopperire alle esigenze dei picchi di freddo o come forma integrativa in caso di manutenzione della prima.

Di fatto circa il 90% del calore necessario è tuttavia prodotto da fonti rinnovabili, contribuendo così alla massima parte dei risparmi ottenuti dai residenti.

 

L’intervento è il primo nel suo genere a Pinerolo e presto faranno seguito altri interventi. Un servizio di cui tutti gli edifici privati e pubblici di Pinerolo e dintorni e del torinese potranno avvalersi. Questo progetto di efficientamento energetico che prende il nome simbolico di Energheia (che in greco significa forza in atto) può essere richiesto da chiunque sia o voglia diventare cliente Acea.

La valenza del progetto Energheia ha due importanti declinazioni:

  • La prima di contribuire allo sviluppo sempre maggiore delle rinnovabili e alla riduzione dei consumi, grazie appunto all’ efficientamento

  • La seconda è quella di riqualificare sul piano urbanistico il territorio Pinerolese e non solo.

Grazie al progetto Energheia ci saranno anche positivi risvolti sul piano del lavoro nel pinerolese, in quanto gli interventi di riqualificazione ed efficientamento sugli edifici vedranno il coinvolgimento di numerosi artigiani e operatori specializzati del Pinerolese che, grazie al volano di rilancio territoriale del Consorzio CPE potranno beneficiare di opportunità di coinvolgimento professionale. Si può così creare una filiera locale di imprese, progettisti e professionisti nei diversi settori, che nell’ambito della Joint venture Acea Energie Nuove e Tecnozenith, porteranno allo sviluppo di professionalità ed expertise aziendali che potranno essere diffuse su tutto il territorio nazionale, diventando occasione di sviluppo dell’imprenditoria locale.

Commenti