Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Sbranato e ucciso da due cani in città. Ferita la proprietaria del cane ucciso.

09/08/2019 20:07
di Dario Mongiello 
"Ho vissuto dei momenti di autentico terrore. Il mio cane è stato sbranato e ucciso da quei due cani lasciati liberi di circolare nella strada. Sto molto, molto male. Faccio fatica a raccontare quanto mi è successo". (La lettera - racconto della proprietaria del cane ucciso  qui: http://www.vocepinerolese.it/articoli/2019-08-10/cane-ucciso-villar-pero...
A parlare è G.S., una donna 50enne che ha fatto l'impossibile per salvare il suo cane Riu.
 Ieri mattina, G.S., con altre sue due amiche, era uscita di casa per fare una passeggiata,  in una strada di Villar Perosa, insieme al suo cane, Riu, un bastardino di cinque anni. 
"Il mio cane era al guinzaglio -  prosegue G. S. - quando abbiamo visto nella strada due cani di grossa taglia venire di corsa verso di noi. Uno era un cane lupo o pastore tedesco. In un attimo i due cani hanno azzannato il mio cane, di taglia media, e ne hanno fatto scempio. Ho cercato di liberare il mio cane dai denti del pastore tedesco ma sono stata morsicata più volte.  Mi hanno persino buttata a terra. Mi sono rialzata ed ho cercato con il mio corpo di difendere Riu. Purtroppo, ogni mio tentativo di salvarlo è stato inutile. Nemmeno il trasporto del mio cane da un veterinario è servito."
La donna viene accompagnata in ospedale per curare le ferite.
"Sono ancora sotto choc - continua G. S. - sto ancora rivivendo quei momenti e non riesco a darmi pace".
Sul posto, poco dopo, sono  giunti anche i padroni dei cani. 
"Mi hanno detto che i suoi cani non sono aggressivi, ma ha ammesso che sono scappati più  volte dalla loro casa che si trova ad alcuni metri da dove avvenuto il fatto".
Resta lo sconcerto che bisogna trovare sempre una  giustificazione.
"Un altro momento difficile - ancora G. S. - è  stato quando ho dovuto informare mio figlio che è in vacanza. Il cane lo aveva preso lui ed era legatissimo. Non è ammissibile che possano accadere fatti simili. Non ci sono giustificazioni"
Foto di repertorio
 
 

Commenti