Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Ecco come migliorare la qualità della vita di dipendenti, famigliari e cittadini. Pinerolo

Progetto pilota di wellness aziendale e sociale della multinazionale giapponese Tsubaki-Nakashima, leader mondiale nella produzione di sfere di precisione, per migliorare la qualità della vita di dipendenti, famigliari e cittadini

Nasce a Pinerolo “La fabbrica della salute”, il progetto pilota di wellness aziendale e sociale della multinazionale giapponese Tsubaki-Nakashima, leader mondiale nella produzione di sfere di precisione, che annuncia il proprio impegno a promuovere la salute non solo all’interno del luogo di lavoro, ma nelle famiglie dei dipendenti e in città.

RISORSE UMANE. «Dopo aver provveduto in questi anni a migliorare il più possibile la sicurezza e la salubrità dell’ambiente di lavoro in fabbrica – osserva Franco Dutto, direttore delle Risorse Umane del Gruppo Tsubaki-Nakashima –, abbiamo pensato che la fabbrica possa diventare uno straordinario volano di promozione della salute all’interno della comunità. Vogliamo produrre iniziative che possano migliorare la qualità della vita dentro e fuori la fabbrica, aprendo le porte alle famiglie dei dipendenti e ai cittadini».

CORSI PER TUTTI. Così, in collaborazione con l’Asl To 3 e la Scuola del cammino, e con il patrocinio della Città di Pinerolo, la Tsubaki-Nakashima di Pinerolo ha organizzato un intenso calendario di iniziative e corsi di formazione gratuiti e aperti a tutti su alimentazione, attività fisica, educazione al sonno, alcolismo, tabagismo e gioco d’azzardo.

Si parte martedì 3 aprile con l’incontro sull’alcolismo. Una lezione di due ore, che verrà ripetuta ogni giorno della settimana, in orari sempre diversi, in modo che tutti possano partecipare, lavoratori e ospiti.

 E così via per tutti gli altri corsi.

FITWALKING. La parte riguardante l’attività fisica è svolta in collaborazione con la Scuola del Cammino dell’ex campione olimpico e mondiale di marcia, Maurizio Damilano: «Proporremo dei corsi di fitwalking (camminata salutistica) aperti a tutti – spiega Damilano -, attraverso i quali si potrà fare cultura della salute sul posto di lavoro, incidere sugli stili di vita dei lavoratori, migliorare gli aspetti psicofisici delle persone e offrire un’attività che possa essere utilizzata dai singoli anche al di fuori della parte organizzata».

 

PINEROLO BIG WALK. Un percorso di attività motoria che condurrà alla grande camminata non competitiva libera a tutti “Pinerolo Big Walk”, domenica 7 ottobre, sul modello del fortunato evento saluzzese “Fitwalking del cuore”, al quale partecipano ogni anno intorno alle diecimila persone, con la destinazione del ricavato a progetti di solidarietà, scuole e associazioni cittadine.

 

PORTE APERTE. «Siamo orgogliosi di tenere a battesimo “La fabbrica della salute” – afferma il direttore dello stabilimento, Ezio Galletti -, la nostra proposta è stata accolta con entusiasmo dalla proprietà giapponese del Gruppo Tsubaki-Nakashima e potrebbe ispirare analoghe  iniziative nelle altre diciotto sedi dell’azienda in tutto il mondo, così come nelle industrie e imprese del Pinerolese. A Natale abbiamo regalato ad ognuno dei nostri trecento dipendenti un orologio fitness con frequenza cardiaca, annunciando che presto sarebbe  venuta l’occasione di usarlo. Con delle associazioni agricole del territorio stiamo organizzando un piano di distribuzione della frutta di stagione e la formazione di gruppi di acquisto solidale per prodotti agricoli a chilometri zero, direttamente in fabbrica. Il Comune ha creduto nel nostro progetto e questo ci ha fatto piacere. Le nostre porte sono aperte alla città, siamo qui per fabbricare non solo occupazione, ma anche salute».

TSUBAKI-NAKASHIMA

E’ il più grande Gruppo produttore di sfere di precisione al mondo (sfere in acciao, nitruro di silicio, ceramica, carburo di silicio, vetro, plastica e rullini per cuscinetti), con 19 stabilimenti  in 10 nazioni, nelle 6 maggiori aree industriali del pianeta. Lo stabilimento di Pinerolo conta circa 300 dipendenti, ad esclusione dell’indotto.

Commenti