Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Contro la violenza sulle donne. L'intervista a Monica Lanfranco

L'11 novembre si è tenuta, presso la sala di rappresentanza del Comune, la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo teatrale “Manutenzioni. Uomini a nudo”, che andrà in scena il 28 novembre al teatro Incontro. L'opera segue il libro “Uomini che odiano amano le donne”, scritto da Monica Lanfranco, blogger de “Il Fatto Quotidiano”. Il tema trattato è quello della violenza sulle donne, ma affrontato, per una volta, dalla prospettiva degli uomini. L'autrice, che ha anche collaborato alla messa in scena teatrale, ha posto sei domande a 300 uomini e raccolto le risposte nel libro pubblicato. Una piccola indagine sociologica per far luce sui rapporti tra i sessi e per capire come gli uomini si relazionino con l'altro genere e con la propria sessualità.

Da questo mio libro” ha detto Monica Lanfranco “è nato il progetto per un teatro sociale per gli uomini. Gli attori, non professionisti, mettono in scena le risposte degli uomini intervistati, che hanno iniziato ad interrogarsi sulla propria sessualità, sulla violenza, sull'emotività nei confronti delle donne. Credo che questa sia la base imprescindibile per affrontare il problema della violenza.”

Perché l'opera teatrale ha questo titolo?

Perché mi colpì una frase di uno sceneggiato televisivo, che recitava “la vita è fatta di manutenzioni”. È vero. La cosa più importante sono le relazioni ed esse hanno bisogno di cura, di manutenzione. È un po' la metafora della casa, del rassettare, del tenere in ordine.”

Come pensa sia affrontato il problema dai media nazionali?

Male, lo dice una giornalista. Noi abbiamo un grande potere e per questo chiedo ai media di non mostrare più la parte di vittimizzazione delle donne, di assolvere in qualche modo la violenza, di parlare di passione. Cosa c'entra la passione con l'uccidere qualcuno? La passione è vita. Chiedo ai media di dire che la violenza sulle donne è una violenza maschile. Non è un'accusa a tutti gli uomini, ma è puntualizzare un problema.”

Come spiega l'aumento di spazio dedicato dai media a questo argomento? Fino a qualche anno fa non se ne sentiva parlare.

In cinquant'anni le donne in questo Paese hanno prodotto una rivoluzione straordinaria. Hanno posto l'attenzione sul fatto che la società sia composta da due generi e sulla necessità di rapporti paritari. Il ruolo dei media è fondamentale e questo Paese ha tutte le risorse per diventare un po' di più un Paese per donne.”

Il ruolo degli uomini in questo processo?

Dire, parlare, esporsi, dire di no. Dire, ad esempio, che la mercificazione del corpo delle donne che si vede nei media fa schifo anche a loro. Credo che la maggior parte degli uomini non approvi questa rappresentazione delle donne e del loro desiderio, come se fossero solamente dei guardoni. Gli uomini non sono questo.”

 

Simone Sindoni

 

Commenti