Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Quel nudo non piace e viene censurato in un concorso di pittura. Pomaretto

 

GUARDA IL VIDEO SU WWW.VOCEPINEROLESE.IT

di Dario Mongiello

direttore@vocepinerolese.it

"Mi sembra oscurantismo del XXI secolo". Così afferma il pittore Maurizio Raissent, 58 anni, di Perosa Argentina, che ha dovuto cancellare la sua opera che ritraeva una donna nuda, una prostituta, considerato da sempre come il mestiere più antico del mondo.  Un disegno  realizzato per il concorso "Insieme abbelliamo Pomaretto Comunità in Fiore" proprio non piace ai condomini di un palazzo nel paese della Val Germanasca e agli organizzatori: la conseguenza è stata quella di far cancellare il dipinto fatto sulla cassetta del gas.  Questa la decisione presa il 20 giugno dalla Commissione di pittura considerato il regolamento del Concorso che chiedeva la realizzazione di opere pittoriche come tema "Antichi mestieri". “Per queste ragioni la Commissione diffida dal Concorso tale opera eseguita dal Sig. Raissent Maurizio considerando non confacente alle attese dell’iniziativa del Comune di Pomaretto inoltre si ritiene lesiva della dignità della Donna e dell'intera Comunità”.

Il 23 giugno, il pittore Maurizio Raissent, ha così cancellato l’opera. Un disegno che era stato coperto con dei fogli e su questi un cartello: “…  il dipinto eseguito dal sig. Maurizio Raissent non è confacente allo spirito della manifestazione. Pertanto richiedono al sig. Raissent di rivedere il soggetto dipinto cancellando la prima stesura e ridipingendo un soggetto consono allo spirito della manifestazione.”

E Raissent c’è rimasto molto male.

Sono un artista professionista – afferma Raissent - la pittura è il mio linguaggio, il mio modo di esprimermi, essendo un’arte e l’arte è libertà. Ho cominciato la mia carriera fin da giovane, mi sono poi specializzato nel corso degli anni viaggiando ed esponendo le mie opere in paesi e nazioni come la Repubblica Dominicana, Porto Rico Stati Uniti (New York e Miami), Spagna e Martinica. Per quanto riguarda la vicenda io sono stato invitato a partecipare al concorso di pittura nel paese di Pomaretto con l’incarico di dipingere un'opera relativa agli Antichi Mestieri. Mi sono sensibilizzato sul tema della prostituzione focalizzato dal fatto che questo mestiere veniva esercitato in Italia nelle case di tolleranza fino all' anno 1958, (quest’anno è il 60 esimo anniversario della emanazione della legge Merlin) anno in cui le suddette case vennero chiuse ridando la libertà e la dignità alle donne che vivevano prigioniere, sfruttate ed abusate in questi centri. Dopo la realizzazione del mio dipinto sono incorso in una contestazione da parte del Coordinatore Artistico, nonché' a rimostranze dei committenti l’opera (proprietari della cassetta del gas sulla quale è stata eseguita l’opera) mediante diffida a mezzo mail nella quale venivo diffidato dal partecipare al concorso poiché ' l’opera veniva ritenuta lesiva della dignità della donna e dell’intera comunità, intimandomi di oscurare l’opera. Vorrei precisare che immediatamente dopo tale diffida l’opera veniva occultata mediante un oscuramento cartaceo per evitarne la visione al pubblico. A mio avviso tale comportamento è discriminazione artistica mortificando la mia sensibilità di artista ed il mio amore verso l’arte ed il lavoro che svolgo. L' opera non voleva rappresentare in alcun modo elementi pornografici, ma richiamare attraverso l'arte momenti storici reali del nostro paese. Il David di Michelangelo può essere considerata una scultura pornografica? Ricordo che in varie situazioni Maria Maddalena è stata vicino a Gesù senza che sia documentata alcuna discriminazione nei suoi confronti.”

Nella foto Maurizio Raissent e la sua opera poi cancellata. Nel video i commenti di alcuni abitanti di Pomaretto e di Maurizio Raissent

Commenti