Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Il segreto del piccolo Newt Sabato 16 luglio Assemblea Teatro ritorna a ScopriMiniera

10/07/2022 6:19

Il segreto del piccolo Newt

Sabato 16 luglio Assemblea Teatro ritorna a ScopriMiniera

 

 

Ad oltre vent’anni dal debutto de L’ultima notte di Giordano Bruno, Assemblea Teatro torna con uno spettacolo pensato per lo spazio interno della Miniera Paola. Un lavoro sulla vita di un piccolo minatore. Piccolo non di statura ma d’età. Infatti, il tema del lavoro minorile e dello sfruttamento è al centro della nuova pièce che sarà rappresentata sabato 16 luglio alle 20.30 a ScopriMiniera.

Il segreto del piccolo Newt narra di una miniera. Chiusa, nera, profonda.

Dentro, con altri minatori, ci vive Newt, che lì cresce, lavora, impara a leggere, a trovare la sua voce e a scoprire la sua identità.

Newt è un giovane minatore della prima metà dell’Ottocento. La sua storia, e quella dei suoi giovanissimi compagni, riempie di orrore.

Come ci racconta il regista Renzo Sicco: “Le miniere erano posti terribilmente pericolosi, eppure, per quanto sembri incredibile, impiegavano bambini dal quattro anni in su (accade ancora in diversi Paesi della terra). Anche se si occupavano dei lavori più semplici, per esempio aprire e chiudere le porte interne per regolare l’afflusso dall’aria e limitare i danni dalle esplosioni, questi bambini avevano nelle mani la sopravvivenza dei loro compagni. Il lavoro estenuante: dodici ore al giorno, sei giorni a settimana, senza contare i lunghi tragitti per arrivare alla miniera e poi suo interno, al buio, con solo la luce delle candele.

Erano esausti, affamati e spesso privi della più basilare educazione e istruzione. “Mimparo la scritura”, dice Newt. E si Impadronisce della lingua, e della luce. Nonostante tutto Newt cerca il modo per crescere libero”.

 

Questo novo appuntamento è organizzato dall’Ecomuseo Regionale delle Miniere e della Val Germanasca, all’interno della rassegna 'Le strade dei Forti': progetto che vede la Città di Pinerolo come capofila di un partenariato che comprende anche i Comuni di Fenestrelle, Usseaux, Prali, l'Accademia di Musica di Pinerolo e La Fondazione Centro Culturale Valdese nell'ambito del progetto 'Paesaggio fortificato nell'evoluzione del rapporto storico tra il Piemonte e la Francia' realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell'ambito del bando 'In Luce. Valorizzare e raccontare le identità cultuali dei territori' della Missione 'Creare Attrattività' dell'Obiettivo 'Cultura' che mira alla valorizzazione culturale e creativa dei territori di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta rendendoli più fruibili e attrattivi per le persone che li abitano e per i turisti, in una prospettiva di sviluppo sostenibile sia sociale sia economico. 

L’iniziativa si inserisce anche nella collaborazione triennale avviata dalla Regione Piemonte con la Rete degli Ecomusei Piemontesi, la Fondazione Piemonte Dal Vivo e Abbonamento Musei: “Ecomusei: palcoscenico naturale”.

 

Ma gli appuntamenti all’Ecomuseo delle Miniere non finiscono qui: sono ancora in programma: spettacoli, visite animate e concerti sino a fine settembre.

Tutte le informazioni al sito www.ecomuseominiere.it

 

Ingresso € 15,00 (prenotazione obbligatoria): tel. 0121.806987

Commenti