Facebook Twitter Youtube Feed RSS

30 anni dall'arresto di Riina e c'era anche il pinerolese "Arciere" Oggi arresto di Messina Denaro

16/01/2023 10:58

15 gennaio 1993 – 15 gennaio 2023 arresto del Boss Totò Riina.

16 gennaio 2023 arresto del boss Matteo Mattia Denaro.

Lo Stato registra un'altra vittoria ma la strada per sconfiggere la mafia è ancora molta. Oggi, però,  festeggiamo e ricordiamo il sacrificio di tanti uomini dello Stato che hanno versato il loro sangue per il diritto, legalità e democrazia. Chi si ricorda ancora di loro...? 

 

Il 15 gennaio 2023, sul profilo Facebook del Generale Sergio De Caprio, – da quasi tre anni in pensione per raggiunti limiti di età - è apparso un post che non può passare inosservato: “E nel silenzio assordante delle cosiddette istituzioni e dei Media a loro Asserviti abbiamo ricordato in semplicità l’arresto di Riina e Biondino Salvatore. Nessuna Autorità presente, solo povera gente. Questo è il nostro orgoglio, di uomini e di Carabinieri di Basso Grado. Onore a tutti i Carabinieri caduti contro la Mafia” Capitano Ultimo.  In occasione di questa occorrenza, che non deve passare inosservata, è stato pubblicato anche un libro il cui titolo fa molto riflettere: “Hanno fermato il Capitano Ultimo” di Pino CORRIAS.

Forse non tutti sanno da dove trae origine il nome di battaglia Ultimo: “Mi chiamo Ultimo perché sono cresciuto in un mondo dove tutti volevano essere primi. Ho un solo talento: organizzare la lotta e scegliere gli uomini. I miei sono stati il miglior gruppo investigativo.”

Quel giorno di trent’anni fa, il 15 gennaio 1993, il destino ha voluto che al fianco di Ultimo ci fosse un pinerolese, (Arciere. Vedi foto quand'era in servizio a Pinerolo) uno degli uomini scelti da Ultimo per far parte di Crimor, la 1ª Sezione del 1º Reparto dei R.O.S.. L’eccellenza dell’Arma i cui componenti erano stati scelti  uno ad uno  per le attività più delicate della storia della Repubblica Italiana. Tra il 1991 e il 1992 l’unità opera a Milano, viene trasferita a Palermo nel settembre 1992 su disposizione dell'allora Comandante del I reparto del ROS, Colonnello Mario Mori, per l’operazione “BELVA”. Pochi mesi di indagini, e si arrivò ad uno degli arresti destinati a rimanere nella storia. Salvatore Biondino e Totò Riina vengono riconosciuti a bordo di una Citroen ZX che esce dal covo-abitazione di Riina. Riina, seduto sul sedile passeggero dell'utilitaria guidata da Salvatore Biondino, viene bloccato intorno alle 8,30 sulla rotonda di via Leonardo da Vinci. Il Capitano Ultimo aprì lo sportello: "Riina, lei è catturato per mano dei Carabinieri". La Belva fu messa finalmente in gabbia, dopo 24 anni di latitanza, il primo passo della offensiva dello Stato contro Cosa Nostra dopo le stragi del '92 in cui caddero i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, assieme agli agenti di scorta.

L’unità Crimor fu sciolta nel 1997, tra non poche polemiche giudiziarie, poi concluse con assoluzioni sia per Mori che per Ultimo. Il nome Crimor appartiene alla Storia ma viene ancora utilizzato informalmente per identificare la prima sezione dei ROS, in ricordo.

La domanda che rimane è quella che ha dato titolo alla nuova opera letteraria di CORRIAS: il Capitano Ultimo è stato fermato? da cui ? quello che pare chiaro è che qualcuno lo vorrebbe dimenticare.

Intanto la lotta contro la mafia continua con successo. Oggi, 16 gennaio, il boss Messina Denaro, dopo 30 anni di latitanza,  è  stato arrestato. Un altro grande successo dello Stato in una operazione dei ROS dopo anni di ricerche e depistaggi...

Il boss era tra i ricercati più pericolosi al mondo. 

L'uomo è stato arrestato in una clinica privata di Palermo per sottoporsi a delle cure oncologiche. 

Anche oggi festeggiamo un duro colpo alla mafia grazie ai carabinieri dei ROS.

L'inchiesta che ha portato all'arresto di Marreo Messina Denaro è stata coordinata dal procuratore di Pelermo Maurizio de Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido.

Nella foto , tra i due boss della mafia Riina e Messina Denaro, il maresciallo dei carabinieri "Arciere" in servizio a Pinerolo. 

Commenti