Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Piazza Roma, fine lavori 26 luglio 2024! Consueto show del sindaco di Pinerolo

28/03/2024 9:25

Piazza Roma, fine lavori 26 luglio 2024! Consueto show del sindaco di Pinerolo

 

Ieri, nella sala consiglio del comune di Pinerolo, si è riunita una commissione consigliare che ha trattato il delicato argomento relativo ai lavori di riqualificazione di Piazza Roma.  Inevitabilmente la discussione si è concentrata sul fermo tecnico dei lavori, durato formalmente dal 15 dicembre al 14 febbraio, anche se i lavori erano fermi già da metà novembre. Questi due mesi di sospensione, formalmente riconosciuti, portano, sommati ai maggiori lavori da svolgere per la modifica subita dal progetto, ad una data di termine dei lavori al 26 luglio 2024! Una data che tecnicamente potrà essere nettamente anticipata se i lavori proseguono con celerità.

 

L’amministrazione comunale mastica amaro nell’ammettere che si sia trattato di un errore di progettazione che ha poi causato la sospensione dei lavori. Il Sindaco afferma che forse si è pagata l’inesperienza dei progettisti, criticando la metodologia del concorso.

Ma tutto questo non si poteva risolvere verificando il progetto prima di metterlo in atto invece di attendere il momento del montaggio della nuova tettoia, per accorgersi del problema? Ricordiamo che stiamo parlando di una tettoia… con tre bagni.

Ciò che preoccupa maggiormente è l’analisi fatta dal Sindaco sulle conseguenze di questo “errore” di progetto. Il primo cittadino evidenzia la sola possibilità di danno a carico della ditta che sta svolgendo i lavori, immaginando che se l’errore di progettazione ha determinato maggiori costi di realizzazione, la ditta potrà fare, eventualmente, causa.

 Il Sindaco non ha preso minimamente in esame il danno che stanno subendo i commercianti! Non una parola in merito! Solo il Consigliere DARIO Mongiello ha evidenziato che il ritardo dei lavori prorogherà il disagio ai commercianti, auspicando che i lavori possano terminare in tempi più rapidi di quanto previsto dall’attuale cronoprogramma. DARIO Mongiello ha chiesto se vi fosse la speranza che i lavori terminino entro la vecchia scadenza dell’11 maggio, ma su questo nessuna rassicurazione dall’Assessora Proietti, che nemmeno ha risposto alla domanda sull’avvenuto o meno approvvigionamento delle mattonelle in cemento per la pavimentazione.

Una domanda legittima, poiché sappiamo che l’approvvigionamento di questo materiale richiede tempi molto lunghi, e se non si è partiti per tempo, si rischia di avere un nuovo fermo tecnico per la mancanza del materiale. 

(È noto che alle domande puntuali alcuni assessori, e in questo caso la Proietti, non amano rispondere compiutamente, anzi, le domande fanno irritare il “sindaco padrone” che, come sua ormai pessima abitudine, urla, si alza e se ne va dimostrando l’ennesimo scarso comportamento istituzionale e irrispettoso nei confronti dei consiglieri e dei presenti.)

L’Assessore Carignagno ha parlato di possibili “ristori” per i danni subiti dai commercianti, ma la vaghezza è assoluta, nessuna misura reale o decisione presa sulla possibilità di aiutare gli esercenti di Piazza Roma tranne che per la TARI come già noto. Intanto il sindaco “pizzica” una sua consigliera di maggioranza “Pinerolo a sinistra” (che non ha gradito…) in merito alle osservazioni fatte dal consigliere Manganiello sul fine lavori prima del Tour de France. “Se la piazza non è pronta - dichiara Manganiello - per il Tour de France ci facciamo una figura di M…”

Il sindaco, con lo stile e la classe che lo contraddistingue, quella m… detta con garbo dal consigliere diventa merda.

Il sindaco mi ha risposto – afferma Manganiello - che farà di tutto per rendere la viabilità aperta altrimenti ci facciamo una figura di merda sminuendo l’intervento della sua consigliera di maggioranza”.

Intanto al primo cittadino disturba che il Consigliere comunale DARIO Mongiello ha documentato con video e foto la presenza nel cantiere di alcune persone e alcuni operai senza aver il caschetto indossato. Documento fatto per tutelare i lavoratori considerati i tanti infortuni e morti nei cantieri. Ricordiamo che il committente è il comune.

Al sindaco preoccupa di più il consigliere “vecchietto con la bici” che fa il suo dovere anziché prendere atto dei  problemi della sicurezza nel cantiere.

E che dire  del promesso allargamento del marciapiede che non è ancora avvenuto? E che dire del fatto che ci avevano raccontato che non si poteva asfaltare la strada a novembre (per consentire ai commercianti di avere viabilità e parcheggio anche durante le festività natalizie) nel lato ovest della piazza perchè i mezzi avrebbero danneggiato la strada? Ovviamente abbiamo visto tutti che i camion che hanno trasportato i materiali sono partiti dalla Puglia e non hanno danneggiato chilometri e chilometri di asfalto per raggiungere Pinerolo. Gli stessi mezzi che gli operai utilizzano in cantiere sono gommati e non cingolati. E comunque, ammesso e non concesso di qualche eventuale danno al tappetino lo stesso lo si poteva riparare. A quanto pare al sindaco poco importano i disagi dei comemrcianti. 

 

 GMC

 

Commenti