Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Con apparecchiature elettroniche nascoste tentano il quiz per la patente

29/03/2024 11:20

Con apparecchiature elettroniche nascoste tentano il quiz per la patente

Sono cinque le persone deferite all’autorità giudiziaria per aver tentato di ottenere fraudolentemente la patente di guida presso la Motorizzazione di Torino di Via Bertani 41.

Si tratta di cinque cittadini stranieri, 1 egiziano, 1 indiano e 3 pakistani, tutti residenti in Lombardia che, muniti di apparecchiature elettroniche occultate tra gli indumenti e atte a ricevere e trasmettere dati, erano in procinto di sostenere l’esame teorico per il conseguimento della patente di guida di Cat. “B”.

Gli agenti della Squadra di P.G. del Compartimento Polizia Stradale di Torino, nella giornata di lunedì 25 marzo, in accordo con la Direzione della locale MCTC, hanno svolto controlli mirati sui candidati alle prove di teoria.

Molti candidati, per lo più stranieri e con scarsa conoscenza della lingua italiana, cedono alle lusinghe di organizzazioni criminali che in cambio di alcune migliaia di euro, promettono il superamento dell’esame grazie a suggerimenti forniti attraverso strumenti elettronici che nel tempo si sono fatti sempre più sofisticati, anche per eludere controlli e indagini da parte delle Forze dell’Ordine.

Nonostante tali accorgimenti, l’agitazione di alcuni dei candidati alla prima sessione del mattino ha insospettito gli agenti che fermavano i cinque cittadini stranieri prima che si accingessero a cominciare la prova.

La contemporanea presenza in una sola sessione di esame di cinque soggetti muniti di apparecchiature idonee al fraudolento ottenimento della patente di guida, fornisce una chiara dimensione di tale fenomeno criminale ormai sempre più diffuso su tutto il territorio nazionale, e che comporta evidenti rischi sulla sicurezza della circolazione stradale.

I cinque venivano denunciati a piede libero e gli strumenti elettronici in loro possesso sottoposti a sequestro come le felpe indossate, appositamente modificate per consentire l’occultamento di microcamere.

 

Commenti