Facebook Twitter Youtube Feed RSS

Pinerolo al contrario ! E non è un libro...

04/06/2024 8:01

Pinerolo al contrario ! E non è  un libro... 

 

Questo titolo non vuole essere un inno al Generale Vannacci, ma un dato di fatto. Potremmo dire: Pinerolo assurdo, Pinerolo illogico, per tutto quello che non funziona o meglio, su cui si fa finta che funzioni.

A Pinerolo per risolvere il problema della violenza di genere coloriamo le panchine, ma non facciamo nulla per far sentire sicuri i cittadini se escono alla sera o attraversano un parco. Il problema della sicurezza è sempre più sentito, lettere pubbliche sollevano ancora una volta i problemi della città, ma coloriamo una nuova panchina ed è tutto risolto.

Oppure abbiamo il Sindaco che elogia i candidati 5stelle alle regionali, tessendone lodi che vede solo lui, ma soprattutto scrivendo pubblicamente sui social “lavoreremo contro le forze politiche di maggioranza a traino fascista (chiamiamo le cose con il proprio nome, si chiamano fascisti!),”  ma gli anarchici e antagonisti di Pinerolo possono appiccicare manifesti sui pilastri dei portici, inneggiare alle Brigate Rosse e violare qualsiasi regola civile occupando abusivamente i locali pubblici facendo pagare ai cittadini le utenze intestate al comune.

 Agli anarchici e antagonisti  di Pinerolo tutto è permesso. Se vogliamo chiamare le cose con il proprio nome, allora quello che il Comune tollera  si chiama:  illegalità.

5stelle candidati alle regionali che, mentre da una parte si auto referenziano, dall’altra sono indagati – con il candidato Marco ALLEGRETTI - dalle procure di Torino ed Asti, che deve rinunciare alla propria candidatura. (Noi che siamo davvero garantisti sosteniamo che essere indagato non significa essere colpevole. Ci sono tre gradi di giudizio. Aspettiamo che si pronunciano i giudici e non il popolo assetato di “sangue” (metaforicamente parlando).

Certo che se vogliono andare in Regione “i nostri 5stelle” per gestire i progetti come avviene in Comune a Pinerolo, abbiamo delle garanzie certe per il territorio… ovvero un disastro.  Basta vedere come è gestita la ristrutturazione di Piazza Roma, dove i commercianti ci confermano che l’Amministrazione non risponde più alle domande, evidentemente nel totale imbarazzo di una situazione che sta peggiorando di giorno in giorno. Hanno finalmente asfaltato, a giorni forse si aprirà la viabilità ma solo pedonale, ma l’asfalto è finito ad un passo da Via Buniva , non si è nemmeno arrivati all’incrocio, fermandosi al limite dei marciapiedi attorno alla piazza.  Un progetto nato sbagliato, e son passati mesi prima che ci  si accorgesse dell’errore. Nemmeno la tanto elogiata assessora. Ritrutturazione che prosegue con un ritardo in costante aumento,  con lavori lasciati a metà come la copertura, che è senza protezioni tra le falde e dove l’acqua si sta già infiltrando. Ma l’amministrazione ha regalato qualche buono parcheggio, e così pensa di aver risolto tutto e compensato disagi che stanno portando allo stremo gli esercizi commerciali.

Una Pinerolo che si sveglia con un tesoretto di 4 milioni di euro, che ora vogliamo destinare allo sport, ma risparmiati facendosi soffiare sotto il naso la squadra di Pallavolo di serieA. (guarda qui:    https://www.facebook.com/share/v/SALbjuXotAH1S7MG/ )

 Una Pinerolo che ha le strade ridotte ad un colabrodo, aree verdi incolte, rami non portati,  spazzatura dilagante, ma che vuole avere una vocazione turistica.

Possiamo proprio dire una Pinerolo al contrario, dove imperversano le illogicità, ma basta colorare una panchina (e va bene, ci mancherebbe)  e sembra tutto risolto.

GMC

 

 

Commenti